alt: Chi è il gourmet?

Chi è il gourmet?

Oggi lo identifichiamo con il buongustaio, ma non è sempre stato così. Sembra infatti che provenga dal francese gromet, garzone, quindi che a quel tempo non avesse proprio un significato nobile; viene poi incrociata con gourmand, goloso, anche stavolta inteso in senso dispregiativo, per condannare la gola, uno dei peccati capitali. Con il tempo, il termine si … Leggi il seguito

alt: Bacche di Goji: il superfood miracoloso

Bacche di Goji: il superfood miracoloso

Le bacche di Goji vengono chiamate in tanti modi: elisir di giovinezza, diamanti rossi, bacche miracolose. C’è chi dice che sono dolci, chi amare, ma una cosa è certa: sono ricche di nutrienti. La medicina orientale le usa da millenni per abbassare la pressione sanguigna, infatti il nome Goji deriva dal termine cinese bacche. Sono i frutti della … Leggi il seguito

alt: I panini della tradizione italiana e i loro significati

I panini della tradizione italiana e i loro significati

Secondo una ricerca, 1 italiano su 4 non è soddisfatto della qualità dei panini acquistati fuori casa o per la scarsa qualità del pane o dei salumi o per la ridotta quantità del companatico; ciò non toglie che però 7 italiani su 10 considerano il panino un cibo pratico, buono e veloce. Ecco 4 motivi per sceglierlo: -è … Leggi il seguito

alt: Da dove proviene il panino? La storia

Da dove proviene il panino? La storia

 Da dove proviene il panino? La storia. Lo scopo degli antichi romani durante la conquista dei territori, non era solo l’espansione dei terreni o la sottomissione dei popoli, infatti portavano anche la loro cultura e le loro tradizioni. Il simbolo alimentare del popolo romano era infatti rappresentato da pane, olio e vino, un po’ come … Leggi il seguito

alt: tiramisù: dalle origini fino ad oggi

Tiramisù: dalle origini fino ad oggi

  Le origini del tiramisù vengono attribuite a varie leggende e storie di cui oggi vi informerò. Secondo una di queste, il nome deriverebbe da “tirame su”, infatti durante il dopoguerra, a Treviso, in un casinò situato in un quartiere malfamato frequentato da malfattori e prostitute il cuoco Danilo Ragazzon detto “il rosso” inventò questa delizia, … Leggi il seguito

alt: menu villa diamante

L’esperienza di Villa Diamante

Ciao a tutti, oggi voglio parlarvi di un “luogo unico con uno stile impeccabile”: Villa Diamante, situata a Posillipo (Napoli). Viene affittata per matrimoni ed eventi speciali di cui i napoletani sono gli organizzatori per eccellenza (ricordiamo la  famosa trasmissione “Il boss delle cerimonie” ).  La villa è circondata da un giardino con morbidi divanetti su cui rilassarsi mentre … Leggi il seguito

alt: popz marshmallows

Marshmallows

Chi non ha mai assaggiato i marshmallows, deliziosi dolcetti, magari arrostiti sul falò di Ferragosto? Parliamo un po’  delle loro origini. In passato venivano preparati da un estratto della malva (mallow) dolcificata con del miele, che cresceva nelle paludi africane (marshes) , il cui nome scientifico è Althea officinalis. Una leggenda narra che gli dei … Leggi il seguito

Arie, sfere e gelato istantaneo

Le arie hanno una consistenza leggerissima, somigliante a una nuvola d’aria in cui questa viene inglobata attraverso il mixer grazie alla lecitina di soia che lega l’acqua ai grassi (come nella maionese) o l’acqua all’aria, rendendola stabile. Le arie sono utilizzate per conferire al piatto un aroma delicato senza coprirne il sapore, come accompagnamento. Le … Leggi il seguito

Gastronomia molecolare

  • 1502a1520ab6c1cff47cafa3b75fcd21[1]Parlando di gastronomia molecolare, come non fare riferimento a Ferran Adrià? Definito “migliore chef al mondo” e “creatore della nuova Novelle cuisine”, è conosciuto da tutti come l’esponente massimo della cucina molecolare inventata da Pierre Gilles de Gennes che studiò la reazioni chimiche degli alimenti sfruttando le trasformazioni fisiche per destrutturalizzare il gusto e la consistenza (texture) e modificarli senza l’aggiunta di additivi chimici (principio su cui è basata la cucina molecolare). Non vengono adottati i classici metodi di cottura che infatti avviene spesso senza fiamme o con azoto liquido. E’ stato proprio Adrià insieme ad altri cuochi molecolari a mettere a punto i kit di textures (che potete acquistare su www.rgmania.com) per sferificare, gelatinare, addensare, areare o rendere croccanti o frizzanti gli alimenti utilizzando alimenti di origine vegetale tra cui:
  • la metilcellulosa E461, utilizzata come gelificante o addensante;
  • l’agar-agar, per ottenere perle e caviale;
  • la lecitina di soia, che riesce anche a stabilizzare le bolle d’aria inglobate in un liquido e a produrre schiume. L’idea della sferificazione è stata ripresa dalla ricetta di una famosa salsa messicana che conteneva piccole sfere in sospensione che al momento di masticarle le conferivano la giusta acidità e il giusto aroma. Altre scoperte importanti in questa gastronomia rivoluzionaria prevedono la coagulazione dell’uovo attraverso l’alcol, la

    Leggi il seguito

alt: Le bistrot finta carbonara

Le bistrot: una scoperta sorprendente

alt: Le bistrot chicche di patate al pesto di pistacchialt: Le bistrot finta carbonaraalt: Le bistrot crocchette di broccoli

Le bistrot è un ristorantino di pochi coperti specializzato in preparazioni vegane, vegetariane e celiache che si trova in zona Garbatella, a Roma. Il mio fidanzato l’ha scoperto per caso su Trip Advisor durante l’organizzazione di una gita nella capitale alla ricerca dei ristoranti migliori, e devo dire che è stata una scoperta sorprendente. Salta subito all’occhio l’atmosfera familiare e intima che ricorda la vecchia casa della nonna con interni rossi e luci calde e soffuse. Per entrare si suona il campanello e si viene accolti da una delle proprietarie, nonché cameriere, che mantengono durante tutto il servizio toni gentili e sanno consigliare al meglio sui piatti da degustare. La scelta è ricaduta su un antipasto di crocchette di broccoli su salsa di fave, molto saporite nonostante si tratti di verdure, fritte ma non unte, seguito da due primi piatti tra cui le chicche di patate al pesto di pistacchi che ahimè non sono riuscita a finire perché il pesto risultava troppo sapido e olioso, e paccheri alla carbonara vegana con zucchine e

Leggi il seguito